La Vergine in versi

19 giugno 2011

Inizia a sfuggire alla vostra comprensione.
Non si lascia  afferrare né esaminare.
Spunta dove meno ve lo aspettate.
E così vi coglie di sorpresa.
In qualche momento sembra anche terribile,
perché mostra un indubbio potere su di voi.
Per quanto siate maestri di autocontrollo,
di fronte alla sua proposta,
e alla sua realtà, iniziate a barcollare.
Dentro e fuori.
Sembra fare di voi quello che vuole.
A piacimento.
Vi spinge nell’antro oscuro.
Vi costringe a considerare di voi quella parte che credevate di avere accantonato.
Quando non c’è sentite che vi manca.
Tanto o poco, comunque voi l’amate.

L’Oroscopo di Marco Pesatori dal 18 al 24 giugno.

Tu, mi farai ridere

sotto questo cielo gonfio

di nuvole pesanti

che svolazzano e sbandano

sempre più nere e cieche,

umide,

voluttuose,

penetranti.

Tu, mi farai morir dal ridere

quando mi raggiungerai

quassù,

mentre fumo il clima del mondo,

da questo punto

che s’innalza dalla piatta tua terra,

questo punto

in cui non sei arrivato mai.

Itaca

27 giugno 2010

Quando ti metterai in viaggio per Itaca

devi augurarti che la strada sia lunga

fertile in avventure e in esperienze.

I Lestrigoni e i Ciclopi

o la furia di Nettuno non temere,

non sarà questo il genere d’incontri

se il pensiero resta alto e un sentimento

fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.

In Ciclopi e Lestrigoni, no certo

né nell’irato Nettuno incapperai

se non li porti dentro

se l’anima: non te li mette contro.

Devi augurarti che la strada sia lunga.

Che i mattini d’estate siano tanti

quando nei porti – finalmente, e con che gioia –

toccherai terra tu per la prima volta:

negli empori fenici indugia e acquista

madreperle coralli ebano e ambre

tutta merce fina, anche profumi

penetranti d’ogni sorta, più profumi

inebrianti che puoi,

va in molte città egizie

impara una quantità di cose dai dotti.

Sempre devi avere in mente Itaca –

raggiungerla sia il pensiero costante.

Sopratutto, non affrettare il viaggio;

fa che duri a lungo, per anni, e che da vecchio

metta piede sull’isola, tu, ricco

dei tesori accumulati per strada

senza aspettarti ricchezze da Itaca.

Itaca ti ha dato il bel viaggio,

senza di lei mai ti saresti messo

in viaggio: che cos’altro ti aspetti?

E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.

Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso

già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.

Kostantinos Kavafis

(traduzione di Margherita Dalmàti e Nelo Risi)

21 Minuti

1 maggio 2010

Tempo discreto che passi,

trascorri

ma poi ti penti

e ci riporti al punto di partenza.

Tempo glorioso che sfuggi

nascondendoti dentro di noi per mescolarci

trattenendo il nostro sangue,

stritolando il nostro intestino,

facendo tentennare il cuore,

tenendo le fila del nostro sudore.

Tempo

che porti all’altare la Vita,

tempo

che quando tu passi ci insegni a camminare

oh tempo

cosa provi quando ti fermi a pensare?

Io

voglio sposare la Vita.

Oh si Vita!

Vita che di emozioni non ci fai parlare

ma doni mille nuvole di espressioni

a noi che ci fermiamo a guardare.

Mentre tu, tempo,

vedi la cima della nostra torre

e la polverizzi,

la rendi cenere.

Ma dalla cenere

fai risorgere le nostre idee.

E ci ricongiungiamo a Vita,

nostro amore,

perduto mai per sempre

viveva in radici lontane.

Voglio sentire, si, voglio sentire

il suo sapore

dolce

come questo pensiero che dedico a voi.

I degni di nota

5 novembre 2009

Buchini di memoria

scavati nella porta

raccontano

volti scarni

eterni sguardi

che tuonano di vigoroso silenzio.Pier Paolo Pasolini (1922-1975)

La casa della nonna

8 ottobre 2009

Di arancio color lampione

La sera, si colora.

Nel crocifisso levigato

la bottiglia, s’impiglia.

La preghiera resta l’ultima parola

Di una casa che colora

E che oggi canta

La propria immortalità.

Rompicapo

3 ottobre 2009

Hai 26 anni e
non hai più voglia di giocare con la vita.
Hai 26 anni e
pensi che un futuro c’è sempre.
Menomale.
Hai 26 anni e
la tua timidezza te ne da molti di meno.
Hai 26 anni e
conti le rughe e le ore che passano.
Hai 26 anni e
pensi agli amori finiti male.
Hai 26 anni e
sei l’eterna fidanzata.
Proprio l’eterna fidanzata per sempre.
Hai 26 anni e
tutto ti sembra una rivelazione.
Hai 26 anni e dici di non essere scaramantica
ma vorresti toccarti i coglioni.
Hai 26 anni e
vorresti essere sposata?
Hai 26 anni e
sei mai stata stuprata?
Hai 26 anni e
hai un figlio da allattare?
Hai 26 anni e
la carriera come va?
Hai 26 anni e
non puoi parlare di politica.
Hai 26 anni e
non sei credibile,
non ti credo
ma ti sorrido
perché crescerai.
Hai 26 anni e
un cassetto troppo colmo da svuotare.
Hai 26 anni e
sei Machiavelli, Goethe, Wilde, Baudelaire, Mann, Deledda, Proust, Nietzsche,Verga, Tolstoj, Flaubert, Svevo, Pirandello, D’Annunzio, Nabokov, Pasolini, Moravia, Pavese, Silone, Vittorini, Kundera, Bukowski, De Andrè.
Hai 26 anni e
sei questi e molti altri.
Hai 26 anni e
sei artista, cassiera, fotografa, libera, giornalista, triste, socialista, impegnata, attrice, fricchettona, portinaia, madre, pittrice, parcheggiatrice, letterina, scrittrice, suora, travestita, modella, casalinga, imprenditrice, cameriera, pornoattrice.
Chi sei a 26 anni?
Risolvilo da te questo enigma.